le cause della cellulite Archive

Un attività fisica adeguata può eliminare il 50% degli effetti della cellulite

Aumentando il volume muscolare e diminuendo i cuscinetti di adipe si possono ottenere grandi risultati

Quando per “cellulite” si intende la cellulite estetica, cioè una condizione alterata del tessuto sottocutaneo ricco di cellule adipose, condurre una vita sedentaria non è assolutamente consigliabile. Essere sempre in movimento, infatti,aiuta ad avere una muscolatura tonica ed efficiente e quindi, a mantenere efficienti anche circolazione e metabolismo che aiutano a bruciare i grassi e a prevenire la stasi circolatoria. L’esercizio fisico ovviamente non può prescindere da una dieta adeguata se si vogliono ottenere risultati duraturi.

Gli effetti della celluliteOvviamente non tutte le donne soffrono di cellulite di uguale gravità, la cellulite infatti ha quattro stadi di evoluzione: il primo, reversibile senza grandi trattamenti, è lo stato edematoso, il secondo, caratterizzato dal primo danno a livello cellulare, è quello in cui si sviluppa una fibrosi reattiva, il terzo è associato alla presenza di noduli dolenti al tatto e il quarto, il più grave, è caratterizzato da fibre di collagene irrigidite che comprimono le terminazioni nervose, creando infossamenti nella cute e intaccando il tessuto sottocutaneo.

Proprio per l’esistenza di questa differenziazione il trattamento è condizionato dallo stato di gravità della cellulite e il tipo di attività fisica deve essere calibrato sulla persona.

Intensità dell’attività fisica consigliabile

Calcolando che una delle cause principali dell’insorgere della cellulite è il ridotto volume muscolare, mantenere la muscolatura tonica e ben sviluppata è già una garanzia di assenza di cellulite, molto più che il semplice essere magri. Ovviamente non tutti i tipi di allenamento sono consigliabili, sopratutto per coloro in cui l’infiammazione dei tessuti è già presente; queste persone devono adottare strategie di allenamento che non aggravino la situazione.

A questo scopo bisogna evitare che l’intensità dell’esercizio provochi una massiccia produzione di acido lattico e microlesioni muscolari, e quindi quando si struttura un programma di allenamento, soprattutto se si è agli inizi, si deve sempre tener presente il concetto di gradualità, partendo da esercizi a corpo libero o con piccoli sovraccarichi.
Riattivare un tessuto inerte è un processo lungo e non bisogna mai cercare di strafare perché è controproducente.

Quali attività sportive scegliere?

Attività fisica AnticelluliteSi consiglia sempre di evitare la corsa perché i ripetuti impatti col terreno causati dal questo sport hanno effetti negativi sulle articolazioni e causano delle microlacerazioni alle membrane delle cellule adipose che possono peggiorare l’infiammazione che causa la cellulite. La corsa inoltre è un’attività fisica ad intensità troppo elevata e perciò causa una forte produzione di acido lattico. Un altro sport che è non solo inutile, ma addirittura controproducente è lo spinning poiché mantenere la posizione seduta sul sellino è un ostacolo alla circolazione di gambe e glutei.

Le attività sportive consigliate dai medici sono allora quelle a bassa intensità e a lunga durata come il ciclismo, la camminata veloce o lo step.
I benefici di questi tipi di allenamento consistono nel miglioramento generale delle capacità cardiocircolatorie e respiratorie e favoriscono la circolazione periferica, il cui malfunzionamento è una delle cause principale della ritenzione idrica. Altre attività fisiche benefiche sono quelle condotte a carico naturale o con pesi liberi.

Per avere i migliori risultati possibili dall’attività fisica questa deve essere regolare, cioè deve essere svolta per almeno tre giorni alla settimana.

Evitare lo stress

Un’altra delle cause a cui è imputabile la comparsa della cellulite è lo stress. Quando il corpo umano viene sottoposto a fattori di stress il sistema endocrino reagisce immediatamente modificando la produzione di diversi ormoni come adrenalina, noradrenalina, cortisolo, e prolattina che aumentano insieme a glicemia, colesterolo e trigliceridi con conseguente aumento di peso.

Per ridurre lo stress è indispensabile dormire un numero di ore sufficienti per sentirsi riposati e fare sport perché questo, oltre a migliorare lo stato della muscolatura, abbassa i livelli degli ormoni dello stress.